Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa

Immagine Home Page

Immagine Home Page

Immagine Home Page

Immagine Home Page

Proposta nomina commissione

La proposta di nomina della commissione per l’esame finale di dottorato deve essere inviata all'Unità Didattica del Dipartimento sede amministrativa del corso di dottorato almeno 2 settimane prima dello svolgimento dell'esame.


Nota Bene
La commissione è nominata con provvedimento del direttore del dipartimento, su proposta del collegio dei docenti e deve essere composta:

  • per i corsi attivati fino all'anno accademico 2012/2013, da tre membri, scelti tra i professori e ricercatori universitari, specificamente qualificati nelle tematiche affrontate nella tesi. Almeno due membri devono appartenere a università, anche straniere, non partecipanti al dottorato e non devono essere componenti del consiglio di dottorato. La commissione può essere integrata da non più di due esperti appartenenti a strutture di ricerca pubbliche e private, anche straniere o di particolare competenza documentata sull'argomento della tesi;
  • per i corsi attivati dall'anno accademico 2013/2014, da tre membri, scelti tra i professori e ricercatori universitari, italiani o stranieri, specificamente qualificati nelle tematiche affrontate nella tesi. La commissione può essere integrata da non più di due esperti appartenenti a strutture di ricerca pubbliche e private, anche straniere o di particolare competenza documentata sull'argomento della tesi;
  • per gli immatricolati a decorrere dall’a.a. 2014/2015, da almeno tre e non più di cinque membri, scelti tra i professori e ricercatori di università italiane e straniere o appartenenti a enti di ricerca qualificati nelle discipline attinenti alle aree scientifiche del corso di dottorato specificamente qualificati nelle tematiche affrontate nella tesi. La commissione può essere integrata da non più di due esperti appartenenti a strutture di ricerca pubbliche e private, anche straniere o di particolare competenza documentata sull’argomento della tesi.